"Dammi i soldi": minaccia la sorella con un coltello per comprare la droga

Arrestato a Licola un uomo di 46 anni con l'accusa di tentata estorsione in ambito familiare, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Militari aggrediti con calci e pugni

In manette per tentata estorsione, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, un 46enne di Giugliano.

L’uomo, già noto alle forze dell'ordine, è stato bloccato dai carabinieri insieme ai colleghi della radiomobile di Giugliano, nell’abitazione della sorella, una 44enne del luogo, immediatamente dopo averla minacciata con un coltello da cucina per costringerla a consegnargli denaro contante per acquistare stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo, nel tentativo di fuggire, si è scagliato contro i militari, aggredendoli con calci e pugni. La colluttazione è stata, però, breve e i Carabinieri sono riusciti a bloccare l'aggressore, che è stato condotto nel carcere di Poggioreale. Sotto sequestro il coltello utilizzato per le minacce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento