Tribunale di Napoli, migrante a torso nudo e scalzo in aula

E' accusato di aver  preso a calci e pugni gli agenti all'interno dell'ufficio immigrazione

Un 35enne nigeriano è rimasto a torso nudo e con i piedi scalzi per quasi due ore all'interno di un'aula di tribunale ieri mattina a Napoli, nell'aula 214 del Palazzo di Giustizia.

L'uomo era imputato nel processo per direttissima per lesioni, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. E' accusato infatti di aver  preso a calci e pugni gli agenti all'interno dell'ufficio immigrazione.

 A riportare quanto accaduto "Il Mattino" Il 35enne indossava solamente un paio di jeans dietro le sbarre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un penalista presente ha esclamato con forza che siamo ancora in un paese civile. Gli agenti durante l'udienza hanno fatto indossare la maglietta al 335enne, privo di permesso di soggiorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di De Luca: "Misure drastiche. Si blocca la movida"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 28 settembre al 2 ottobre: tra proposte di matrimonio e figli legittimi e non

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Elettra Lamborghini: con Napoli è vero amore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento