Cronaca

Camorra, in manette il boss “junior” Michele D'Alessandro

Il 35enne rampollo del clan era in fuga in autostrada, per evitare un ordine di carcerazione. Sconterà quattro anni per estorsione continuata con metodo mafioso

Polizia stradale

È stato arrestato mentre era in fuga, Michele D'Alessandro, il 35enne boss "junior" del famigerato clan di Castellammare di Stabia fondato dal nonno omonimo. Il suo tentativo di nascondersi - e di evitare il carcere - non è andato a buon fine: la stradale lo ha catturato in autostrada.

Il figlio di Luigi D'Alessandro era ricercato per un ordine di carcerazione: una pena di quattro anni, maturata per “estorsione continuata con metodo mafioso”. Era già stato arrestato nel 2005 a Salsomaggiore, per un'estorsione ai danni di un imprenditore. Gli agenti della polstrada lo hanno scoperto a Casoria, sull'autostrada del sole nell'area di servizio “Masseria Est”. L'uomo era a bordo di un'auto insieme ad altre tre persone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camorra, in manette il boss “junior” Michele D'Alessandro

NapoliToday è in caricamento