Metropolitana, due ore di stop. Anm: “Troppi certificati di malattia”

In una nota l’azienda fa sapere di aver ricevuto 5 certificati di malattia a ridosso dell’inizio del turno. “Stiamo cercando un confronto sindacale”

Cinque macchinisti della metropolitana di Napoli, Linea 1, avrebbero presentato oggi certificato di malattia poco prima dell'inizio del loro turno alla guida dei treni della metropolitana. Lo rende not Anm, che spiega: "Anche ricorrendo al personale di riserva non è stato possibile garantire il servizio e, temporaneamente, alle 15 circa, la linea è stata chiusa. Intorno alle 17, con l'avvicendamento dei turni, è stato possibile effettuare nuovamente il servizio riaprendo anche se solo sulla tratta Piscinola-Dante". 

"ANM nell'esprimere preoccupazione e sconcerto per quanto accaduto non può che scusarsi con i cittadini per il disservizio. Proprio al fine di migliorare il servizio, l'azienda è impegnata da settimane in confronti sindacali per discutere di aspetti organizzativi e di produttività delle varie categorie professionali. In particolare proprio sui macchinisti lo scorso 21 luglio era stato tenuto un incontro con i rappresentanti sindacali di Cgil, Uil, Ugl, Cisl, Orsa, Usb, Faisa confail, in merito alle prove del nuovo treno della metropolitana concordando tra l'altro un nuovo incontro entro il 15 settembre". 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Napoli usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

Torna su
NapoliToday è in caricamento