rotate-mobile
Cronaca Mercato / Via Bologna

Mercato multietnico di via Bologna, bando libero. Ma cancella gli immigrati

Quattro consiglieri di maggioranza insorgono contro il Comune che mette in palio i 69 posti nella traversa di Piazza Garibaldi. "Non tiene conto della presenza dei migranti"

Aperto a tutti il bando per 69 posti nell'area mercatale di via Bologna, traversa di piazza Garibaldi. Ma paradossalmente gli immigrati che a via Bologna sono di casa vengono quasi tagliati fuori. Questa la la denuncia di 4 consiglieri comunali di maggioranza Vittorio Vasquez e Piero Rinaldi (consiglieri di Napoli è Tua), Sandro Fucito e Elena Coccia della Federazione della Sinistra (quest'ultima è anche vicepresidente dell'assemblea di via Verdi).

L'area da circa dieci anni è interessata da un mercato multietnico di migranti che vendono prodotti dei loro paesi e abbigliamento hip hop. Secondo i consiglieri, la partecipazione libera favorirebbe ambulanti che di etnico hanno ben poco e non terrebbe conto della presenza dei migranti. "Il bando non ne riconosce l'esistenza e non riconosce la continuità del mercatino multietnico, cancellandolo di fatto. L'atto amministrativo prevede anche che chi risulti vincitore nella procedura concorsuale sarà tenuto a destinare una quota prevalente della merce in vendita alla merceologia etnica". "D'accordo con la giunta sulla linea della difesa della legalità. Solo che a volte non capiamo se attraverso queste operazioni lottiamo contro la povertà, l'emarginazione e il disagio sociale o lottiamo contro i poveri e gli emarginati".


I consiglieri chiedono pertanto di rieditare il bando che scade il 20 febbraio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato multietnico di via Bologna, bando libero. Ma cancella gli immigrati

NapoliToday è in caricamento