Meningite, il Ministero della Salute fa il punto della situazione

Nel 2016 sono stati segnalati 178 casi di meningite da meningococco, con un'incidenza in lieve aumento rispetto al triennio 2012-14, ma in diminuzione rispetto al 2015

La psicosi da meningite è al culmine, ma il Ministero della Salute invita alla calma attraverso una nota diramata sul sito.

"Il termine "meningite" - si legge - si riferisce a una condizione clinica di gravità variabile, che, soprattutto, può essere determinata da germi assai vari che colpiscono in maniera episodica, difficilmente prevedibile, attraverso contatti/portatori sani, la cui identificazione è importantissima per sviluppare azioni di contenimento della diffusione dei germi stessi. Possono causare la meningite batteri come il meningococco (di vari ceppi, come il tipo B e il tipo C, molto aggressivo, di recente e alta visibilità nelle cronache a causa della sua concentrazione in Regione Toscana e della sua letalità, oppure altri tipi come A, Y, W135), lo pneumococco (l’agente della polmonite invasiva), l’emofilo influenzale, ma anche il bacillo della tubercolosi, così come stafilococchi, streptococchi e batteri coliformi (batteri comuni, ma con aggressività variabile, spesso secondo le condizioni di salute della persona colpita), che però non danno origine alla malattia nella sua forma invasiva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

Torna su
NapoliToday è in caricamento