rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Cronaca

Medico napoletano morto di Covid, la lettera a Mattarella prima del decesso: "Non è giusto nessun risarcimento"

Mario Avano di Napoli è scomparso il 21 dicembre. Era stato dimesso dall'ospedale e sembrava stesse recuperando quando è sopraggiunto il decesso

Mario Avano, medico di Napoli colpito dal Coronavirus, residente a Barra, è morto il 21 dicembre. Mentre era in convalescenza dopo le dimissioni dall'ospedale aveva scritto una lettera a Mattarella qualche giorno prima di morire: "Sono un medico di medicina generale che dal 24/10/2020 si è ammalato di Covid-19, sono stato ricoverato in ospedale dal 01/11/2020 al 28/11/2020 per una polmonite interstiziale bilaterale, nella mia stanza c'erano altri tre sanitari affetti dallo stesso problema. Presidente, da lavoratore, da professionista, Le chiedo se è possibile che ad un operatore sanitario che si contagia di una malattia, perché opera contro tale malattia gli venga detto che il suo male non è da considerarsi infortunio sul lavoro, e, pertanto non ci sarà alcun risarcimento per i danni subiti. Non credo che questo sia giustizia per una categoria così esposta, e così poco tutelata da chi ne aveva il dovere".

Ha reso nota ai media la lettera scritta da Avano il presidente dell'Ordine dei medici di Napoli e segretario nazionale della Federazione italiana dei Medici di medicina generale (Fimmg), Silvestro Scotti, sulla chat dei 106 presidenti degli Ordini territoriali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medico napoletano morto di Covid, la lettera a Mattarella prima del decesso: "Non è giusto nessun risarcimento"

NapoliToday è in caricamento