Porto, maxi sequestro di cozze: 200 tonnellate in un impianto abusivo

A ridosso del porto commerciale, l'impianto poteva essere d'intralcio anche per le gare veliche delle Universiadi. Si stima che le cozze avrebbero garantito guadagni per mezzo milione

La Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato oltre 200 tonnellate di mitili in un'operazione che ha rigurdato due impianti abusivi posizionati nei pressi del porto commerciale. Il vivaio non rispettava alcuna prescrizione igienico-sanitaria, e i fusti galleggianti che contenevano migliaia di filari di cozze potevano anche essere di intralcio per le imbarcazioni nel golfo (considerato anche che è in programma la competizione velica dell'Universiade). 

Le cozze avrebbero, se immesse nel mercato, fruttato un guadagno di circa mezzo milione di euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Coronavirus, De Luca: "Tra fine ottobre e novembre attesa la ripresa del contagio"

  • Elezioni Regionali Campania 2020: il fac-simile della scheda elettorale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento