Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini contro i 99 Posse: "Ho scoperto cosa vuol dire l'offesa 'Sei una lo*a'"

Il leader della Lega a Napoli per la prima udienza del processo per diffamazione intentato contro la band, assente in aula: "Se chiedono scusa e donano mille euro a una qualsiasi associazione locale per me la vicenda è chiusa".

 

"E' da un po' che ho imparato che cosa voglia dire in napoletano l'offesa "Si na lo*a'. Il giudice mi ha ripreso, dicendomi che non si possono ripetere le parolacce in aula". Matteo Salvini è giunta a Napoli per la prima udienza del processo per diffamazione contro i 99 Posse. I fatti risalgono al 2015, quando la band, in particolare Marco Messina, in un video appellò con una tipica offesa napoletana, traducibile in italiano con melma, il leader della Lega, invitando i cittadini a scendere in piazza contro di lui per prenderlo a calci.

"Minacciare di prendere a calci una persona dicendogli che non può presentarsi in un luogo non rientra nella libertà di critica. Detto ciò, per me se i 99 Posse chiedono scusa e versano mille euro a una qualsiasi associazione di volontariato del territorio la vicenda è chiusa perché i tribunali hanno cose più importanti di cui occuparsi". I 99 Posse non si sono presentati in aula. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento