rotate-mobile
Cronaca

"Abbiamo già rimandato le nozze per la morte di mio suocero. Ora non ci fermerà di certo il Covid"

Luigi Atteo, giovane imprenditore napoletano, spiega cosa si prova a sposarsi ai tempi del Coronavirus

Il Coronavirus ha messo in ginocchio il settore dei matrimoni, rimasto letteralmente bloccato. Di recente, seppure sotto strette regole, è possibile sposarsi con poche persone presenti in chiesa e con il distanziamento sociale.

Luigi Atteo, imprenditore napoletano, fondatore del brand Go Now, ha deciso comunque di convolare a nozze nonostante tutte le restrizioni da affrontare.  "La vita non é stata facile per me e la mia futura moglie - dichiara Luigi Atteo - abbiamo fatto tanti sacrifici e ci siamo dati da fare molto per raggiungere questo nostro sogno, non avevo neanche i soldi per comprarle un panino, ma noi fantasticavamo sul nostro matrimonio e la cosa piú importante era amarci, avrebbe potuto lasciarmi, non avevo nulla da offrirle, ma lei mi é stata vicino. Quando poi tutto era pronto, quando finalmente mi ero realizzato nel lavoro e avremmo potuto sposarci, un fulmine a ciel sereno ci colpisce, muore mio suocero, rimandiamo tutto. Siamo rimasti segnati da questa disgrazia e certo non sarà il Coronavirus a fermarci ora. Domani finalmente sposerò Anna, mio suocero l'accompagnerà all'altare, anche se nessuno lo vedrà, ma tutti lo sentiremo, e il Coronavirus resterà fuori". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Abbiamo già rimandato le nozze per la morte di mio suocero. Ora non ci fermerà di certo il Covid"

NapoliToday è in caricamento