Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Mascherine prodotte in carcere: l'annuncio di Bonafede

Il ministro della Giustizia ha confermato che i carceri napoletani producono per uso interno

"Sottolineo che, fin dall'inizio dell'emergenza, è stato deciso di indirizzare una parte importante del lavoro dei detenuti nella produzione di mascherine. Ad oggi già gli Istituti penitenziari di Napoli, Reggio Calabria, Castrovillari, Bergamo, Milano-San Vittore, Milano-Opera, Milano-Bollate, Monza, Vigevano, Forli' e Piacenza producono mascherine per uso interno. Presso la Casa circondariale di Massa è presente una sartoria industriale capace di produrre 5.000 mascherine al giorno, da distribuire alla cittadinanza".

Lo dice il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, durante l'audizione in Commissione Giustizia alla Camera sulla situazione nelle carceri a seguito dell'emergenza epidemiologica da Covid 19 e sui recenti provvedimenti di scarcerazioni disposti dalla magistratura di sorveglianza.

"Abbiamo poi realizzato, con il Commissario straordinario del Governo per l'emergenza Covid Arcuri, che ringrazio pubblicamente - aggiunge il guardasigilli - un progetto per la produzione industriale di mascherine, progetto che ha permesso di acquisire otto macchinari che saranno collocati negli istituti di Milano-Bollate, Salerno e Roma-Rebibbia già la prossima settimana. La produzione sarà, come obiettivo, indirizzata a garantire la fornitura dei dispositivi a tutto il personale che opera negli istituti di detenzione sull'intero territorio nazionale, ma anche, nel momento in cui il relativo protocollo sarà definito, per dare supporto materiale anche al restante personale del Ministero della Giustizia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherine prodotte in carcere: l'annuncio di Bonafede

NapoliToday è in caricamento