rotate-mobile
Cronaca

Colpito a morte dopo aver accoltellato poliziotto, la madre di Ementato: "Vedeva i demoni"

La donna, nel corso di un'intervista, ha raccontato

"Mio figlio vedeva i demoni". A parlare è la madre di Mario Ementato, il 29enne che lunedì sera è stato ucciso da un poliziotto dopo che aveva ferito prima la stessa donna - dopo una lite in casa - e poi un agente nel commissariato Vicaria-Mercato. Ementato, come detto, ha prima aggredito la madre con delle forbici e poi ha seguito il compagno di questa che era andato alla Polizia per denunciarlo.

Omicidio nel commissariato (Foto di De Cristofaro)

Il 29enne ha ingaggiato una colluttazione con un poliziotto che è rimasto ferito nel tentativo di disarmarlo. Ementato stava per colpirlo con le forbici anche alla gola, ma un secondo poliziotto è intervenuto sparandogli alle gambe. Un unico proiettile che, però, è risultato fatale. Ementato è stato trasportato in gravi condizioni al Vecchio Pellegrini dove è morto per una lesione all'arteria femorale.

Commissariato Vicaria Mercato, foto Ansa

"Vedeva i demoni"

Il suo corpo è stato sequestrato e verrà sottoposto ad autopsia. L'agente che ha esploso il corpo mortale, invece, è indagato per omicidio colposo per etto dovuto. Patrizia, la mamma di Ementato, ferita in modo lieve, è stata intervistata da TgCom24 ed ha provato a ricostruire la vicenda. "Vedeva il diavolo. Faceva uso di stupefacenti - ha detto - Non era più lui. Ci ha colpito con le forbici perché diceva che vedeva dei demoni. Ho aperto la porta e ho fatto scappare il mio compagno. Voglio giustizia. Mio figlio ha sbagliato, doveva pagare, ma non dovevav morire"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpito a morte dopo aver accoltellato poliziotto, la madre di Ementato: "Vedeva i demoni"

NapoliToday è in caricamento