Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Secondigliano

Maria Licciardi resta in carcere: la decisione del Gip

Il magistrato napoletano Linda D'Ancona ha confermato la decisione presa dall'omologo del tribunale di Roma che aveva inviato il fascicolo a Napoli per competenza territoriale

Maria Licciardi resta in carcere. A deciderlo è stato il Gip del tribunale di Napoli, Linda D'Ancona, chiamata a pronunciarsi rispetto al decreto di fermo emesso dalla Direzione distrettuale antimafia. Il fascicolo, in un primo momento, era finito nelle mani del Gip di Roma dove è avvenuto l'arresto della donna. Il magistrato romano l'ha poi inviato per competenza al collega napoletano che ha assunto una decisione analoga a quella del suo predecessore. Secondo la toga partenopea sussistono tutti gli elementi per confermare la custodia cautelare in carcere: pericolo di fuga, inquinamento probatorio e reiterazione del reato.

L'arresto a inizio agosto 

Licciardi, ritenuta un elemento di spicco della cosiddetta “Alleanza di Secondigliano”, venne arrestata lo scorso 7 agosto proprio mentre provava ad andare in Spagna. I carabinieri del Ros l'arrestarono prima che riuscisse a imbarcarsi su un volo internazionale dall'aeroporto di Fiumicino. La 70enne è accusata di associazione mafiosa, estorsione e turbativa d'asta. Secondo l'Antimafia, la sua attività all'interno del cartello criminale era di prim'ordine. Capace di minacciare, di ferire una donna con le proprie mani o di rammaricarsi per la non elezione di un consigliere regionale voluto dai clan, Licciardi è considerata dagli investigatori a tutti gli effetti un boss del cartello. Secondo l'accusa riusciva a esercitare un controllo anche all'interno degli ospedali napoletani. 

Il precedente 

Due anni fa, però, venne annullata un'ordinanza di custodia cautelare ai suoi danni per fatti antecedenti a quelli contestati nel nuovo provvedimento redatto dalla Dda e avallato dal Gip. In quel caso si diede alla latitanza a seguito del blitz contro il cartello in attesa della decisione del tribunale del Riesame. Toccherà adesso allo stesso tribunale stabilire, così come due anni fa, se sussistono i motivi per confermare la custodia cautelare. La difesa de “'a piccerella” ha già annunciato ricorso al tribunale della Libertà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maria Licciardi resta in carcere: la decisione del Gip

NapoliToday è in caricamento