Cronaca

Paranza dei bambini, Catello Maresca: "Napoli merita un altro destino"

Le parole del possibile candidato sindaco all'indomani del blitz che ha portato all'arresto di 21 presunti esponenti dei Sibillo e alla rimozione di un altarino dedicato al baby boss ucciso

Catello Maresca

"Basta altarini della camorra". Così su Facebook Catello Maresca, sostituto procuratore generale di Napoli ritenuto possibile candidato a sindaco di Napoli alle prossime amministrative. Maresca ha commentato l'operazione dei carabinieri, nell'ambito di indagini della Dda partenopea, che ieri ha portato all'arresto di 21 esponenti del clan Sibillo e alla rimozione dell'altarino dedicato a Emanuele Sibillo, capo della cosiddetta "paranza dei bambini" ucciso nel 2015.

"L'autorevolezza dello Stato - scrive Maresca - è nel lavoro di questi uomini in divisa che con la forza del diritto hanno rimosso quei simboli mafiosi che sporcano l'immagine di Napoli in Italia e nel mondo e fanno soffrire la stragrande maggioranza di napoletani onesti che quotidianamente non si piegano ai soprusi di mafiosi e piccoli criminali e difendono la città dalle letture banali, stereotipate e superficiali di chi non riesce a leggere speranza nel futuro".

Il ringraziamento di Maresca va alla "magistratura e i carabinieri per questo eccellente lavoro". "Grazie al prefetto Valentini - aggiunge - per il lavoro che sta facendo su questa triste pagina degli altarini di mafia in città. Vanno benissimo gli arresti e i processi ma ancora meglio sono le rimozioni di questi simboli del male". "Napoli e i napoletani meritano un altro destino, un futuro all'altezza della sua storia e delle sue radici", è stata la conclusione del magistrato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paranza dei bambini, Catello Maresca: "Napoli merita un altro destino"

NapoliToday è in caricamento