Cronaca

Baia di Ieranto, l'Arpac cambia idea: è bandiera blu

Rimossa sul sito dell'agenzia regionale la bandiera rossa ("problemi di balneabilità") con cui era stata contrassegnata la Baia di Ieranto a Massa Lubrense. Il Sindaco: "Polemiche strumentali"

Baia di Ieranto

Mai così pulito il mare della Baia di Ieranto, e l'Arpac lo conferma: l'agenzia regionale, che effettua periodicamente le analisi per valutare la qualità delle acque, ha rimosso sul suo portale web la bandiera rossa (“problemi di balneabilità”) che nei giorni scorsi era apparsa relativamente alla Baia.
“In realtà già nelle analisi del 21 luglio i risultati erano stati più che positivi, tanto che il giorno dopo ci era stato comunicato dalla stessa Arpac la rimozione del divieto di balneazione - sottolinea il sindaco di Massa Lubrense, Leone Gargiulo - Non esiste quindi nessun caso Ieranto e le polemiche sono solo strumentali visto che la notizia è stata riportata il 23 luglio, un giorno dopo l'esito positivo delle ultime analisi. Domani terremo, insieme con Fai e Parco Marino, una conferenza stampa al Comune di Massa per spiegare e chiarire la situazione".

Anche l'area marina protetta di Punta Campanella ribadisce che la qualità delle acque nell'oasi (zona B della Riserva) "è davvero eccellente". “L'intervento del Parco è giunto dopo la notizia di 'mare inquinato' a seguito di un campionamento dell'Arpac. Ma la serie storica di tutte le analisi degli ultimi anni e l'ultimo campionamento disponibile smentiscono appunto ogni ipotesi di mare inquinato. Il dato riportato dalla stampa è stato del tutto casuale, ed è subito stato aggiornato con il risultato delle ultime analisi, estremamente positive".

"Da sempre nella Baia di Ieranto il mare è meraviglioso come dimostrano tutte le analisi degli ultimi anni - dice il presidente del Parco, Davide Gargiulo - Non avevamo dubbi sulla qualità del mare a Ieranto e le comunicazioni dell'Arpac degli ultimi giorni lo dimostrano. Del resto è impensabile che le acque di Ieranto siano inquinate, vista la posizione geografica, la tutela (divieto di ingresso per le imbarcazioni a motore) e la totale assenza di scarichi o depuratori nelle vicinanze".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baia di Ieranto, l'Arpac cambia idea: è bandiera blu

NapoliToday è in caricamento