menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Manifesti contro Caldoro (Foto Ansa)

Manifesti contro Caldoro (Foto Ansa)

Manifesto shock contro Caldoro: denunciati 7 disoccupati Bros

Il manifesto fa riferimento alla morte di un dipendente dell'Astir, società in house della Regione in liquidazione, i cui dipendenti rischiano di perdere il lavoro

Ha destato scalpore il manifesto choc con la scritta "assassino" diffuso ieri sui muri del centro cittadino e rivolto contro il presidente della Giunta regionale della Campania, Stefano Caldoro.

Il manifesto fa riferimento alla morte di un dipendente dell'Astir, società in house della Regione che si occupa di bonifiche ambientali. Lo stesso testo è contenuto in volantini che sono stati distribuiti oggi in città e che hanno portato la Digos della Questura di Napoli a denunciare in stato di libertà sette disoccupati aderenti al movimento Bros per le ipotesi di reato di diffamazione e oltraggio a organo politico.

Hanno preso le distanze da tale atto i lavoratori dell'Astir e hanno espresso solidarietà a Caldoro anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, il coordinatore regionale del Pdl Francesco Nitto Palma, i consiglieri regionali Giuseppe Russo e Antonio Marciano (Pd), Luciano Schifone (Pdl),  Luciano Passariello (FdI) e  Gianni Lettieri.

L'Astir (460 dipendenti) è stata messa in liquidazione nello scorso luglio e ieri i suoi dipendenti hanno fatto una manifestazione di protesta davanti alla Regione, dando vita al sit in in memoria di un ex collega deceduto. (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

  • Cronaca

    Lutto per il Gambrinus, è morta la storica cassiera

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento