rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca San Ferdinando / Piazza del Plebiscito

Protesta di piazza del Plebiscito: i manifestanti raggiungono la Regione (VIDEO)

Faccia a faccia con le forze dell'ordine che poi hanno fatto passare la folla pacifica

Pochi attimi di tensione alla manifestazione di piazza del Plebiscito quando gran parte dei manifestanti si sono spostati sul lato della piazza da dove è possibile raggiungere via Santa Lucia e la sede della Giunta regionale della Campania. A sbarrargli la strada c'era un imponente spiegamento di forze dell'ordine che dopo un periodo di faccia a faccia con i manifestanti ha lasciato passare la folla che si è avvicinata alla sede della Regione.  Lì ad attenderli c'erano altri rappresentanti delle forze dell'ordine a presidio della sede regionale. Il corteo ha sfilato lungo la strada pacificamente all'urlo “Se ci chiudi devi pagare”. La fase più delicata era mantenere l'ordine nei pressi della sede regionale ma non ci sono state difficoltà.

L'arrivo a via Santa Lucia

Quando invece sono arrivati sul posto hanno solo intonato slogan. Urlando “dimissioni”, i manifestanti che sono arrivati a centinaia e in maniera ordinata a via Santa Lucia sotto la sede della Regione. Le persone hanno occupato tutta l'area e continuano ad avere come unico obiettivo della protesta il governatore Vincenzo De Luca. La situazione al momento è assolutamente pacifica e sotto controllo da parte delle forze dell'ordine. Tra i vari slogan i manifestanti urlano anche “camorrista a chi?”. Lanciata anche “Napul è” di Pino Daniele che ha raccolto i canti e le voci di tutti i presenti. Si sono dati appuntamento tutti i giorni alle 18 per protestare sotto la sede della Regione fino a quando non otterranno dei sostegni economici. 

La manifestazione si sposta a via Santa Lucia (Foto De Cristofaro)

Manifestazione a piazza del Plebiscito 2 (Foto De Cristofaro)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta di piazza del Plebiscito: i manifestanti raggiungono la Regione (VIDEO)

NapoliToday è in caricamento