rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca

Ugo Russo, il quartiere "saluta" il murale: "Chi vuole silenziarci non ci riuscirà"

Decine di persone in sit-in davanti al murale

Decine di persone in piazza a Napoli per salutare il murale - prossimo alla cancellazione - che ritrae Ugo Russo, il 15enne ucciso tre anni fa da un carabiniere in borghese durante un tentativo di rapina. Il sit-in si è tenuto domenica sera al Largo Parrocchiella dei quartieri Spagnoli dove oltre ai cittadini ed agli attvivisti del Comitato verita' e giustizia per Ugo Russo, erano presenti i genitori del ragazzo.

La gamiglia ha postato anche un messaggio - con alcune immagini - sui social: "Ieri sera un intero pezzo del quartiere si è ritrovato in piazza Parrocchiella in un'ultima assemblea per salutare il murales di Ugo, dandosi al tempo stesso appuntamento a Giovedi alle 10.30 sotto al tribunale per la seconda udienza del processo per il suo omicidio.

Perchè come ha ribadito Enzo Russo, "chi vuole silenziarci non ci riuscirà", si può censurare un'opera ma non la verità! Del resto oltre mille abitanti avevano firmato contro la sua rimozione, consegnando la petizione al comune che pero' ha obbedito all'input di chi voleva censurarlo fingendo che fosse per il piano regolatore...

Ogni partecipante ha preso una copia del manifesto "Verità e Giustizia" con la foto del murale per affiggerla in un diverso punto dei quartieri spagnoli e della città. Continueranno infatti presto le iniziative per tenere vivo nella memoria collettiva il principio che non esistono "vittime colpevoli" e che tutte e tutti hanno diritto alla verità e alla giustizia, tanto più per un ragazzo di 15 anni!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ugo Russo, il quartiere "saluta" il murale: "Chi vuole silenziarci non ci riuscirà"

NapoliToday è in caricamento