Manifestazione a piazza del Plebiscito: i commercianti protestano ancora (FOTO E VIDEO)

Circa mille persone sono finora arrivate al punto d'incontro. Forte spiegamento di forze dell'ordine

Foto e Video di Massimo Romano

Sono già diverse centinaia le persone che si sono riunite a piazza del Plebiscito per protestare contro le imposizioni stabilite dal Dpcm del presidente Giuseppe Conte insieme a quelle imposte dalle ultime ordinanze del presidente della Regione, Vincenzo De Luca. Una stretta per contrastare l'epidemia di Coronavirus che però rischia di soffocare interi settori produttivi della città che hanno scelto di scendere in piazza a protestare già da diversi giorni. Quella di questa sera è una piazza variegata composta in maggioranza da commercianti, professionisti, partite iva, lavoratori dello spettacolo ma anche attivisti dei centri sociali e dei gruppi organizzati di disoccupati

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Imponente lo spiegamento di forze dell'ordine a presidio dell'intera area. Diversi i blindati, alcuni dei quali anche dotati di idranti. L'atmosfera è però di tenore completamente diverso rispetto a quella di venerdì notte. Al momento la situazione sembra sotto controllo e la protesta prosegue in maniera pacifica. Diversi i cartelli e gli striscioni con i quali si chiede un intervento di ristoro alle attività commerciali che sono costrette a chiudere alle 18 rinunciando alla fetta più importante di clientela. 

Tra i manifestanti ci sono anche i rappresentanti di Potere al Popolo e il generale Antonio Pappalardo dei Gilet arancioni. In segno di protesta i baristi stanno agitando gli shaker che utilizzano al bancone. Tutti i cori sono contro il governo e De Luca e chiedono ad alta voce sostegno economico per le attività chiuse. Presenti anche insegnanti che protestano contro la Didattica a distanza. Dopo una serie di interventi delle varie categorie, i manifestanti si sono accalcati sul lato della piazza dal quale è possibile raggiungere via Santa Lucia. L'obiettivo è quello di raggiungere la sede della Regione Campania. 

Il corteo si sposta verso la Regione

Pochi attimi di tensione alla manifestazione di piazza del Plebiscito quando gran parte dei manifestanti si sono spostati sul lato della piazza da dove è possibile raggiungere via Santa Lucia e la sede della Giunta regionale della Campania. A sbarrargli la strada c'era un imponente spiegamento di forze dell'ordine che dopo un periodo di faccia a faccia con i manifestanti ha lasciato passare la folla che si è avvicinata alla sede della Regione.  Lì ad attenderli c'erano altri rappresentanti delle forze dell'ordine a presidio della sede regionale. Il corteo ha sfilato lungo la strada pacificamente all'urlo “Se ci chiudi devi pagare”. La fase più delicata era mantenere l'ordine nei pressi della sede regionale ma non ci sono state difficoltà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arrivo a via Santa Lucia

Quando invece sono arrivati sul posto hanno solo intonato slogan. Urlando “dimissioni”, i manifestanti che sono arrivati a centinaia e in maniera ordinata a via Santa Lucia sotto la sede della Regione. Le persone hanno occupato tutta l'area e continuano ad avere come unico obiettivo della protesta il governatore Vincenzo De Luca. La situazione al momento è assolutamente pacifica e sotto controllo da parte delle forze dell'ordine. Tra i vari slogan i manifestanti urlano anche “camorrista a chi?”. Lanciata anche “Napul è” di Pino Daniele che ha raccolto i canti e le voci di tutti i presenti. Si sono dati appuntamento tutti i giorni alle 18 per protestare sotto la sede della Regione fino a quando non otterranno dei sostegni economici. 

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutto sulla dieta che ha restituito a Fiorello la sua forma smagliante

  • Fuga d'amore a Dubai per Tony e Tina Colombo: le foto bollenti

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Cade dal balcone di casa: 40enne trasportata in gravi condizioni in ospedale

  • Paura a Scampia, esplosione in un appartamento: fiamme devastano abitazione

  • Covid-19 e polmonite interstiziale, quando l’infezione colpisce i polmoni: l’intervista allo pneumologo

Torna su
NapoliToday è in caricamento