rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023
Cronaca

Maltempo in città, Napoli cade a pezzi: crolli ovunque ma nessun ferito

Bilancio drammatico per fortuna soltanto in fatto di danni, quello della tempesta di vento e pioggia che si è abbattuta oggi sul capoluogo partenopeo. Prorogata anche per la giornata di domani l'allerta meteo: Manfredi chiude di nuovo parchi e scuole

Giornata difficile, a Napoli e provincia, quella di oggi. Il maltempo ha reso complicatissima fin dalla mattina la situazione della viabilità, e generato numerose situazione di pericolo: su tutte, il crollo di un albero in via piazza Cavour e di un'impalcatura in via Aniello Falcone. A queste si sono aggiunte anche la caduta di un lampione al Centro direzionale, e dei crolli di calcinacci da alcuni edifici di in via Salvator Rosa e via Santa Caterina da Siena. In definitiva, sono state tantissime le telefonate ai vigili del fuoco e tantissimi i loro interventi tra le strade della città.
Per fortuna, nell'arco di oggi non si sono registrati feriti.

Intanto l'allerta meteo in vigore oggi è stata prorogata anche per la giornata di domani e fino a giovedì. Il Comune di Napoli e con esso la quasi totalità dei comuni dell'hinterland terranno scuole, parchi e cimiteri chiusi anche domani 18 gennaio.

I crolli in via piazza Cavour e via Aniello Falcone

Sebbene senza conseguenze, sono stati particolarmente pericolosi gli episodi di via piazza Cavour e in via Aniello Falcone. Per quanto riguarda il primo, lungo la strada dietro la piazza e parallela a via Foria sono precipitati al suolo diversi alberi a causa del fortissimo vento. Uno di questi è rovinato su di un'auto ferma in sosta danneggiandola gravemente.

Spaventoso anche quanto successo al Vomero. I ponteggi allestiti lungo la facciata di uno stabile di quattro piani, all'altezza dei giardinetti Nino Taranto, si sono disuniti e sono precipitati in strada. La strada è stata chiusa al transito veicolare, con pesanti ripercussioni sulla viabilità nella zona.

Ancora scuole chiuse

Nel primo pomeriggio non si è fatta attendere la decisione della giunta Manfredi, che attraverso ordinanza sindacale ha stabilito restino anche domani chiusi i parchi, i cimiteri e le scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado sull'intero territorio cittadino. "Si raccomanda alla cittadinanza - è la nota di Palazzo San Giacomo - di limitare gli spostamenti a quelli strettamente necessari e di attenersi alle norme comportamentali da seguire in caso di allerta meteo pubblicate sul sito del Comune di Napoli".

Diversi sono i comuni che hanno preceduto l'amministrazione partenopea nel prendere la stessa decisione di chiudere gli istituti scolastici, i parchi e i cimiteri per la giornata di domani 18 gennaio 2023. Tra questi i primissimi sono stati Pompei, Brusciano e San Giuseppe Vesuviano.
Si sono poi rapidamente aggiunti i comuni di Gragnano, Portici, Pozzuoli, Somma Vesuviana, Afragola, Crispano, Poggiomarino, Cardito, Villaricca, Torre del Greco, Marano, Ercolano, San Giorgio a Cremano, Ischia, Quarto.

Maltempo a Napoli: paura e crolli in città | FOTO

La proroga dell'allerta meteo

La Protezione civile della Regione Campania stamattina aveva prorogato, fino alle ore 9 di giovedì 19 gennaio 2023, l'avviso di allerta meteo (di colore arancione) già in vigore. "Permane una allerta per precipitazioni di moderata o forte intensità, venti forti con raffiche e mare molto agitato lungo le coste esposte - recita il comunicato della Protezione civile - Attenzione massima va posta al rischio idrogeologico, anche diffuso, con possibili frane, instabilità di versante, colate rapide di fango, caduta massi, allagamenti, esondazioni, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d'acqua con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, scorrimento superficiale delle acque piovane nelle strade e coinvolgimento delle aree urbane depresse".
 
L'invito alle autorità è come sempre "alla massima attenzione mantenendo attivi i Centri operativi comunali. Si raccomanda di attuare tutte le norme previste dai piani di Protezione civile e di adottare le dovute misure di mitigazione del rischio e messa in sicurezza del territorio e di tutela dei cittadini anche in considerazione delle precipitazioni dei giorni scorsi e della saturazione dei suoli". Inoltre, "si invitano le autorità competenti a controllare altresì la corretta tenuta del verde pubblico, nonché delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso".

Tutto ok per Napoli-Cremonese

Intanto Napoli-Cremonese di Coppa Italia, prevista alle 21 di stasera allo Stadio Maradona di Fuorigrotta, si è deciso che debba essere comunque giocata. Nell'impianto s'è svolto un sopralluogo alla presenza anche di vigili del fuoco, incaricati della prefettura e delegati della Lega Calcio, ed è arrivato l'ok alla gara nonostante le condizioni meteo. Non si è ritenuta necessaria neanche la chiusura degli spalti - pure in un primo momento paventata - e quindi il match si giocherà a porte aperte con attesi circa 30mila tifosi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo in città, Napoli cade a pezzi: crolli ovunque ma nessun ferito

NapoliToday è in caricamento