La denuncia: "A Napoli magliette 'miniboss' per bimbi"

A lanciare il caso di scritte non proprio edificanti su alcune t-shirt in commercio a Napoli sono il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e il conduttore radiofonico di RadioMarte Gianni Simioli

Prima le magliette con la scritta "Narcos", adesso quelle recanti le scritte "Miniboss" e "Overdose". Si tratta di abbigliamento per bambini in vendita in alcuni negozi napoletani.

A lanciare il caso di scritte non proprio edificanti sulle t-shirt in commercio per i più piccoli sono il consigliere regionale della Campania dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore radiofonico di RadioMarte Gianni Simioli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Come può un genitore - si chiedono gli autori della denuncia - comprare una maglietta per suo figlio con scritte del genere?". "Sembra quasi - concludono - che si augurino un futuro da boss o un'overdose per i loro figli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento