Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vince causa per il figlio autistico dopo l'appello lanciato a NapoliToday

 

Dopo anni di lotta, a dicembre finalmente un lieto fine. Rita D'Alterio, madre di un ragazzo autistico, ha vinto la sua battaglia legale: l'Asl Napoli 2 dovrà coprire le cure per Gabriele, 14 anni, e rimborsare quelle dei mesi scorsi. Lo ha deciso una sentenza del Tar, giunta dopo un processo e dopo le denunce di Napolitoday

Dopo aver tentato, senza successo, diverse terapie, sette anni Gabriele Riccio ha cominciato la terapia Aba, un percorso guidato da uno psicologo comportamentista che indirizza gli operatori che lavorano con il ragazzo. Gabriele è migliorato tantissimo, uscendo dal suo isolamento. Purtroppo, in Campania, solo l'Asl di Casera copre questo tipo di cura. "Abbiamo dovuto pagare tutto di tasca nostra - spiega Rita, che vive a Mugnano - non sapevamo più come indebitarci ed eravamo arrivati al punto di dover scegliere tra mangiare e la cura di nostro figlio".

L'Aba è costata circa 150mila euro, ma per proseguirla e continuare a veder migliorare il figlio, Rita ha cominciato una lunga battaglia legale. Già nel novembre 2017, il Tar stabilì che l'Asl Napoli 2 avrebbe dovuto rimborsare le spese mediche in attesa del procedimento. L'Azienda sanitaria, però, ha fatto orecchie da mercante e non ha mai versato un euro. Nell'estate 2018, la vittoria vera e propria nel processo, con tanto di sentenza. Rita ha dovuto attendere fino a dicembre, però, per vedersi riconosciuti i suoi diritti. 

"Spero che la mia vicenda possa rappresentare un esempio per le tante famiglie che vivono una situazione simile. Oggi Gabriele è molto più autonomo grazie alla terapia Aba e ha scoperto anche la passione per il ballo. Devo ringraziare anche la redazione di Napolitoday che mi è sempre stata accanto". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento