Terzigno, l'ultimo saluto all'operatore ecologico morto investito

Il Sindaco Ranieri ha proclamato una giornata di lutto cittadino in occasione delle esequie

Giornata di lutto cittadino a Terzigno per i funerali di Luciano Vellone. Quest'oggi nel comune vesuviano l'ultimo saluto all'operatore ecologico, morto investito due giorni fa mentre svolgeva il suo lavoro in strada.

"Ho deciso di proclamare lutto cittadino in concomitanza con i funerali dell'amico Luciano, in segno di rispetto per un uomo dal cuore nobile, morto per una tragica fatalità mentre con la sua indomita passione era dedito a compiere il suo dovere quotidiano", le parole del sindaco di Terzigno Francesco Ranieri.

L'INCIDENTE

Alle 05.30 di venerdì mattina un 19enne incensurato di Boscoreale stava transitando lungo via Verdi a Terzigno, alla guida della sua auto, per raggiungere il posto di lavoro quando ha investito ad alta velocità l'operatore ecologico Luciano Vellone, che si trovava a margine della carreggiata intento a svolgere il suo lavoro.

Il giovane si è fermato e ha provato a prestargli soccorso, ma la vittima è morta sul colpo. Nel giro di qualche minuto sono arrivati sul posto i Carabinieri della stazione di Terzigno, allertati dal 118 intervenuto sul luogo dell’incidente.

I militari hanno bloccato il 19enne e lo hanno accompagnato in ospedale a Boscotrecase, dove è stato sottoposto ad analisi e risultato positivo alla cannabis.

Il giovane è stato tratto in arresto per omicidio stradale ed è stato tradotto ai domiciliari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
NapoliToday è in caricamento