Lite per l'eredità sfocia in tentato omicidio: sparati 4 colpi di pistola

Dopo aver litigato con un cugino per motivi legati ad un’eredità, un 30enne si è presentato fuori dalla sua abitazione e ha fatto fuoco

Questa notte i Carabinieri della stazione di San Gennaro Vesuviano hanno arrestato per tentato omicidio un 30enne incensurato del posto.

Dopo aver litigato con un cugino per motivi legati ad un’eredità, si è presentato fuori dalla sua abitazione e ha sparato 4 colpi di pistola in direzione del parente, senza colpirlo.

I militari sono intervenuti dopo una telefonata della vittima e si sono messi sulle tracce del 30enne, scovandolo nella soffitta del suo appartamento dove era andato a nascondersi.

Durante il sopralluogo in casa, i Carabinieri hanno sequestrato l’arma utilizzata, un bossolo ed un’ogiva. Sottoposto a sequestro in via cautelare anche un fucile e ritirato il porto d’armi dell’uomo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arrestato ora è in carcere in attesa dell’udienza di convalida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

Torna su
NapoliToday è in caricamento