Le Jardin, la scala di legno di Castel Sant'Elmo inaugurata e poi chiusa al pubblico

Le Jardin è una scala di legno, che rende finalmente accessibile l'antico avamposto del Complesso monumentale di Castel Sant'Elmo di Napoli, inaugurata e poi chiusa dopo pochi giorni

Le Jardin

Le Jardin è una scala di legno, che rende finalmente accessibile l'antico avamposto del Complesso monumentale di Castel Sant'Elmo di Napoli. L'antica costruzione, che si trova a ridosso dell'originario ingresso principale del castello, era da tempo invalicabile dato che si trova a cinque metri di altezza.

Durante i restauri degli anni ottanta ci si dimenticò di realizzarvi una scala, cosa a cui hanno posto ora rimedio una serie di giovani architetti, curatori, designers e artigiani (il gruppo è composto da: Carolina Rossi Casanovas, Giulia Beretta, Francesca Borrelli, Silvia Lacatena, Francesco Cianciulli, Romain Conduzorgues, Jules Messaud, Baptist Furie, l'associazione francese Bellastock).

Il progetto ha vinto la terza edizione del "Concorso giovani artisti 2013, Un'opera per il castello". Grazie al premio è stato dunque possibile realizzare l'opera che non è fine a se stessa, ma restituisce alla città uno spazio estremamente affascinante.

Le Jardin è stato aperto al pubblico però solo per pochi giorni e non si sa ancora quando sarà riaperto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carolina Rossi Casanovas, curatrice de progetto: "Non ci sono risorse né per tener lo aperto né tanto meno per la manutenzione. La Sovrintendenza e tutte le istituzion interessate non riescono a trovare fondi. Il nostro obiettivo adesso è e sarà quello di sensibilizzare le persone che hanno visitato il Jardin e soprattutto quelle che vorrebbero farlo, e vi assicuro che sono tante - continua la Rossi - Vorremmo far capire loro che questa è un'opera d'arte aperta: chiunque voglia apportare idee, di qualsiasi tipo, è il benvenuto o semplicemente aiutarci, tramite donazioni, a mantenerlo pulito. Il Giardino è un'opera d'arte che ha bisogno di essere curata, utilizzata, vissuta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento