Lavoravano 11 ore al giorno per 20 euro: la scoperta

Chiuso un opificio a Grumo Nevano dove venivano utilizzati anche stranieri senza permesso di soggiorno

Venivano fatti lavorare come animali per 11 ore al giorno. Il tutto per soli 20 euro, meno di due euro all'ora. Scoperto un opificio a Grumo Nevano dove venivano utilizzati cittadini stranieri senza permesso di soggiorno per confezionare giacche da uomo. La scoperta è stata realizzata dai carabinieri della stazione locale a via Quintavalle nella cittadina napoletana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari hanno scoperto 12 persone intente a lavorare a ritmi serrati in un locale di 150 metri quadri in pessime condizioni igienico-sanitarie. Di queste, nove persone lavoravano a nero e tre di loro erano senza permesso di soggiorno. Denunciata la titolare, una cittadina del Bangladesh, sospesa l'attività e sequestrato il locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • Uomo investito mentre attraversa sulle strisce pedonali: la scena ripresa dalle telecamere (VIDEO)

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

  • Quindicenne investita, la verità nella scatola nera dell'auto. Il 21enne: “Sono distrutto”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento