Maschio Angioino, 4,5 mln per far rinascere il castello partenopeo

A finanziare ristrutturazione e messa in sicurezza di uno dei simboli cittadini sarà il Mibact

Maschio Angioino

Verrà restaurato e messo in sicurezza il Maschio Angioino, con un'opera che costerà al Ministero per i Beni e le attività culturali 4,5 milioni di euro.

Lo rende noto il Comune di Napoli. "Viene così accettata e ritenuta meritevole di finanziamento – spiega Palazzo San Giacomo – la proposta progettuale presentata dalla Soprintendenza di Napoli e predisposta insieme al Comune per il monumento simbolo della città, finalizzata al potenziamento dell'offerta culturale e turistica".

Gli assessori del Comune di Napoli all'Urbanistica, Carmine Piscopo, alle Infrastrutture, Mario Calabrese, e alla Cultura, Nino Daniele, continuano: "Siamo convinti che, con questo ulteriore intervento che nasce grazie alla sinergia istituzionale tra i vari attori, si andrà a realizzare la trasformazione di un'intera parte di città che, attraverso progetti differenti e differenti strumenti di finanziamento, tiene insieme castello, piazza, palazzo comunale, Parco archeologico, stazione dei treni, nuovi servizi portuali".

Un intervento che gli assessori definiscono "ambizioso e affascinante", tra "il nuovo e l'antico", e con un castello che "si apre a nuovi usi senza perdere il ruolo di monumento".

Il progetto

I lavori riguarderanno restauro e messa in sicurezza del complesso monumentale, il completamento dell'abbattimento delle barriere architettoniche, il potenziamento degli allestimenti per la visita degli spazi monumentali, il recupero dei percorsi esterni per il loro utilizzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I fondi

Il finanziamento assegnato proviene dai fondi Pac 2007-2013, e va ad integrarsi con i fondi stanziati per il "parco archeologico" che si realizzerà nell'area tra piazza Municipio e piazza del Plebiscito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento