menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cantiere in Via Ferraris, caos fino al 30 settembre

Paralisi alle uscite autostradali. L’assessore Nuzzolo: il restyling è necessario per la messa in sicurezza della strada

Napoli si nutre, purtroppo, di cantieri. Quelli che sbucano ovunque e che vivono per lunghi mesi, stagioni. La situazione attuale? Terminata più o meno l’odissea di Via Marina durata ben tre anni. Tra le tante strade ko figura adesso via Cardinale Prisco a Capodimonte che resterà chiusa fino al 12 agosto con l’obbligo, per i veicoli provenienti da via Bosco di Capodimonte, di proseguire su via Vecchia San Rocco. Per il 6 agosto, invece, è prevista la chiusura di via Curia che comporterà l'istituzione del doppio senso di circolazione in via Santa Maria delle Grazie.

Ma il caos maggiore lo si avverte in queste ore a pochi passi dalla stazione Fs della città. Lavori di manutenzione straordinaria in via Galileo Ferraris, con senso unico di circolazione nel tratto di via Galileo Ferraris che va da corso Lucci allo svincolo dell'autostrada. Dunque, i veicoli in uscita dall'autostrada e diretti in centro devono in questo caso proseguire per via Ferraris in direzione via Brin e poi immettersi in via Marina.

Una fase che dovrebbe concludersi il 30 settembre. Ma intanto è caos allo stato puro. Viabilità completamente paralizzata, rallentamenti, ore di attesa sotto al sole per permettere ai lavori di pavimentazione, costati un milione di euro per mano dell’amministrazione comunale, di potersi svolgere nell’arco dei mesi estivi, vuoi anche per la minor presenza di napoletani in città.

Ma a cominciare già dalle prime ore del mattino di ieri, quando si è avuto il debutto poco felice, il blocco del traffico si è manifestato insieme a proteste e malcontenti generali.
Agostino Nuzzolo, assessore comunale alla Mobilità, fa intanto sapere che si tratta di un restyling necessario per la messa in sicurezza della strada. Come a dire: il napoletano deve avere, ancora una volta, un po’ di pazienza.

In ogni modo, nei prossimi giorni l’impatto dei cantieri sul traffico dovrebbe essere ridotto con l’interdizione di tratti parziali di carreggiata. D’altronde la via in questione è una delle porte d’ingesso della città e dunque rimetterla a nuovo significa valorizzarla e migliorare anche la vivibilità. E Nuzzolo assicura pure che i lavori saranno rapidi e soprattutto regaleranno, a pedoni e automobilisti, una strada migliore sotto tanti punti di vista.

I cubetti di porfido, attualmente presenti, saranno infatti rimossi per avere un risultato più moderno e sostituiti da bitume per la pavimentazione stradale.  
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Napoli usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Attualità

Sorpresa per Serena Rossi a Canzone Segreta: "Non sapevo niente, vi giuro"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento