Lavoratori stagionali dell'Aeroporto di Capodichino in protesta

Protesta del settore turistico questa mattina davanti ai giardini antistanti il Maschio Angioino. Sono in maggioranza lavoratori dell'indotto aeroportuale: in totale cento persone circa che rischiano il licenziamento, come denunciato dai sindacati nei giorni scorsi. Con loro, in segno di solidarietà e condivisione della stessa lotta per il lavoro, anche autisti N.C.C, noleggio con conducente. "Siamo parte dello stesso sistema, ferrovieri, aeroportuali: il grande settore turismo", spiega una manifestante. "Anche noi abbiamo contribuito ai grandi numeri dello scorso anno, con 12 milioni di arrivi". 

IMG-20200525-WA0002-2

La nota del sindacato CNAL

"Ora forse anche gli altri sindacati hanno forse capito che la Gesac intende liberarsi dell’indotto e mandare sul lastrico più di cento famiglie che fino ad oggi operavano nei servizi dell’indotto aeroportuale. Dai carrellini portabagagli agli operatori addetti all’assistenza dei disabili. Fino a cancellare i lavoratori addetti alle varie aree dell’aeroporto. "La Regione Campania e la Città Metropolitana di Napoli sono soci di Gesac e partecipano alla ripartizione dei dividendi. Perciò – ha concluso Ronghi - ci chiediamo se  De Luca e De Magistris condividono la politica dei licenziamenti adottata dalla Gesac, il che sarebbe in totale contrasto con le tante rassicurazioni di interventi a tutela del lavoro e a favore dei più deboli che provengono, particolarmente in questa emergenza Covid-19, dalle massime espressioni della Regione Campania e della Città Metropolitana di Napoli, ai quali abbiamo chiesto un urgente incontro prima di passare alle azioni di protesta”, spiega Ronghi, segretario regionale CNAL Trasporti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Lavoratori stagionali dell'Aeroporto di Capodichino in protesta

NapoliToday è in caricamento