Lavoratore a nero in una ditta che produce pietra lavica: proprietario nei guai

Denunciato il 43enne che aveva anche un impianto di videosorveglianza abusivo e aveva realizzato dei manufatti non a norma

I carabinieri della stazione di Boscoreale, insieme a quelli del Nucleo Operativo del Gruppo Carabinieri Tutela del Lavoro e a personale dell’Ufficio Tecnico del Comune di Boscoreale - nell’ambito dei servizi finalizzati al contrasto del lavoro sommerso disposti dal Comando Provinciale di Napoli -  hanno controllato una ditta operante nel settore della lavorazione della pietra lavica.

I militari hanno scoperto che il titolare, un 43enne del posto,  aveva realizzato alcuni manufatti edili adibiti ad aree di lavorazione ed a uffici commerciali senza alcuna autorizzazione, in un’area destinata all’uso agricolo. Notificate sanzioni amministrative per un totale di 12mila euro e contestate diverse violazioni della normativa antinfortunistica. Negli uffici identificato anche un lavoratore assunto in “nero” e individuato un impianto abusivo di videosorveglianza, realizzato negli ambienti di lavoro per monitorare l’attività dei dipendenti. L’attività commerciale è stata chiusa e il proprietario denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Revenge porn, arrestato un 43enne. Diffusi sui social video intimi con la moglie

Torna su
NapoliToday è in caricamento