Cronaca

Treni in ritardo: ladri di rame ancora in azione, 300 furti in Campania nel 2013

Per contrastare questi reati, sistematicamente denunciati all'Autorità giudiziaria, FS Italiane ha intensificato la cooperazione con gli Organi di Polizia e l'attività di controllo da parte della Protezione aziendale del Gruppo

Ladri di rame nuovamente in azione lungo i binari della Campania. Oltre 5 km di materiale tecnico, per un valore di circa 50mila euro, sono stati asportati la notte scorsa dallo scalo merci di Maddaloni.

Il furto, che non ha avuto conseguenze sulla regolarità della circolazione ferroviaria, ha danneggiato gli apparati di gestione del traffico all'interno dello scalo, dove le squadre tecniche sono subito intervenute per ripristinare la piena funzionalità dell'impianto.

Da gennaio a oggi sono stati oltre 300 i furti registrati in regione, di cui due all'interno di depositi e i rimanenti lungo le linee ferroviarie. Questi ultimi, in particolare, pur non compromettendo la sicurezza dell'esercizio ferroviario, interferiscono con la sua regolarità.

Sempre in Campania infatti, nel solo primo semestre del 2013, sono stati più di 3500 i treni coinvolti con ritardi per oltre 52mila minuti. ''Per contrastare questi reati, sistematicamente denunciati all'Autorità giudiziaria, FS Italiane - si legge in una nota - ha intensificato la cooperazione con gli Organi di Polizia e l'attività di controllo da parte della Protezione aziendale del Gruppo. Inoltre, in collaborazione con la Polizia ferroviaria è stata istituita una task force nazionale per il controllo ed il pattugliamento dell'intera rete''. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treni in ritardo: ladri di rame ancora in azione, 300 furti in Campania nel 2013

NapoliToday è in caricamento