Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Associazione presidi: "Rotazioni e Dad per far partire la scuola il 14 settembre"

I banchi unici arriveranno non prima di ottobre, i dirigenti scolastici studiano le possibilità per cominciare le lezioni garantendo sicurezza e distanziamento: "Ma a Napoli c'è mancanza di aule"

 

Le domande sono ancora più delle risposte quando mancano meno di due settimane alla ripresa della scuola in Campania. Perché, ordinanze dei singoli comuni a parte, la data ufficiale per la riapertura degli istituti, al momento, resta quella del 14 settembre: "Il calendario scolastico è regionale e, a ora, non abbiamo indicazioni diverse dal 14" afferma Luisa Peluso, dirigente scolastica del Liceo Mercalli di Napoli e referente cittadina dell'Associazione nazionale presidi. 

Purtroppo, i punti interrogativi in campo sono ancora diversi. Una manciata di giorni per capire come riprendere le lezioni garantendo distanziamento e sicurezza in un momento in cui i dati campani del contagio da Covid-19 sono più alti delle altre regioni. "Inutile negare che a Napoli, come nel resto della regione, esiste una criticità legata alla mancanza di aule - prosegue la Peluso - Molti istituti cittadini hanno difficoltà anche in tempi normali a causa degli spazi affollati". In Campania è arrivata una prima tranche di mascherine, che studenti e docenti dovranno indossare in aula quando non sarà possibile garantire la distanza di un metro. Non si ha notizia, invece, dei banchi monoposto: "Sappiamo che sono arrivati in alcune città del Nord, ma da noi ancora non si vedono. Non esiste una data di riferimento, l'indicazione è che potrebbero essere inviati fino a fine ottobre". 

In assenza dei banchi singoli, i presidi dovranno ricorrere ad altre misure: "Al di là dei banchi - spiega la dirigente del Mercalli - è presumibile che le scuole superiori dovranno adottare una didattica a distanza a rotazione per poter ridurre il numero di studenti presenti. Per le scuole di grado inferiore, invece, dove la didattica a distanza è difficilmente percorribile o non obbligatoria per decreto, gli alunni occuperanno gli spazi a rotazione". Ed è qui che potrebbero esserci delle difficoltà, come un cane che si morde la coda, perché senza spazi adeguati e senza un numero sufficiente di docenti le rotazioni non sono scontate. Ma la Peluso assicura: "I presidi stanno facendo un lavoro straordinario per garantire l'inizio delle scuola per la data prevista".

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento