Coronavirus, l'allarme degli infermieri napoletani: "Servono misure più restrittive"

"Il rischio è alto e gli infermieri stanno lavorando in condizioni estreme. Il numero di Infermieri e Infermieri Pediatrici contagiati ormai è incontrollabile": è l'appello di Ciro Carbone, presidente dell'Opi Napoli, l'Ordine degli infermieri partenopeo

"Alla luce del crescente numero dei contagi e dei dati allarmanti che ci vengono forniti dalle direzioni ospedaliere, dalla mancata osservanza delle prescrizioni da parte dei cittadini, chiedo a nome di tutti gli infermieri e infermieri pediatrici dell'Ordine della provincia di Napoli provvedimenti più restrittivi per la tutela della Salute Pubblica e la salvaguardia della nostra famiglia professionale". L'allarme è del presidente dell'Opi Napoli, l'Ordine degli infermieri partenopeo, Ciro Carbone. "Ora basta con il palleggiamento di responsabilità", aggiunge Carbone.  "Il rischio è alto e gli infermieri stanno lavorando in condizioni estreme. Il numero di Infermieri e Infermieri Pediatrici contagiati ormai è incontrollabile. Poniamo rimedio prima che sia troppo tardi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento