Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Infermiera contraddice De Luca e ora rischia azione disciplinare: "Io censurata"

 

Ha difeso una donna strattonata dalla sicurezza e si è permessa di contraddire il presidente della Regione Vincenzo De Luca sull'eccellenza della Sanità campana. Rossana Bianchi, infermiera dell'ospedale S. Maria delle Grazie di Pozzuoli, ora rischia un provvedimento disciplinare per dichiarazioni che macchiano la reputazione dell'Asl Napoli 2. Era il 28 febbraio scorso e il governatore era in visita al nosocomio puteolano. Ad aspettarlo un gruppo di attivisti che lo accolse con il lancio di sacchetti di immondizia. Con i manifestanti, Rossana non ha nessun legame. L'unica sua colpa è stata difendere la donna portata via a forza dalla security. 

L'infermiera dorà rispondere alla accuse il 3 maggio prossimo. "Lo trovo assurdo - racconta ai nostri microfoni - Io ho solo detto da cittadina che la situazione non è così rosea come dicono. Mancano materiali e personale ovunque, anche a Pozzuoli. Ma non era un attacco alla mia azienda. Per amore del mio lavoro ho deciso di restare a lavorare in ospedale nonostante alcuni problemi di salute.

Potrebbe Interessarti

  • Tina Colombo mostra il suo yacht ai fan: "Eccovi accontentati"

  • "Agostino 'o pazzo", il motociclista acrobatico che mise in scacco la polizia napoletana

  • Droga nascosta nella finestra: arrestato pusher

  • Rione Traiano, un arsenale scoperto in un terreno abbandonato

Torna su
NapoliToday è in caricamento