menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ancora una vittima sulla “strada della morte”: feriti due coniugi

In un incidente stradale avvenuto sulla ss 268 del Vesuvio è morto un operaio di 40 anni di Scafati. Nel frontale sono rimasti feriti due coniugi che viaggiavano con i loro figli di 10 e 4 anni

La strada statale 268 del Vesuvio registra una nuova vittima. Su quella che ormai è stata tristemente nominata "strada della morte", nella sera di sabato ha perso la vita un operaio di 40 anni di Scafati. L'incidente mortale, un frontale tra due auto, è avvenuto nelle vicinanze dello svincolo per Sant'Anastasia.

Secondo le ricostruzioni fatte dai carabinieri, l'operaio ha effettuato un sorpasso occupando la corsia di marcia opposta, scontrandosi frontalmente con una Seat Altea guidata da un impiegato 41enne di Scafati e con a bordo la moglie 39enne e due figli di 10 e 4 anni. I due coniugi sono stati portati con un'autoambulanza all'ospedale di Pollena Trocchia dove i medici hanno riscontrato loro contusioni ed escoriazioni multiple guaribili in pochi giorni. L'operaio è stato invece portato all'ospedale Loreto Mare a Napoli dove è stato ricoverato in prognosi riservata per politrauma, trauma cranico facciale con ferita lacero contusa al mento, trauma toracico-addominale con slogamento al polso, escoriazioni agli arti inferiori.
Nella vettura del 40enne, una Fiat Uno che dai primi accertamenti risulta sprovvista di assicurazione e revisione, i militari hanno trovato tre flaconi di metadone.
L'uomo è morto ieri mattina in ospedale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Attualità

Sorpresa per Serena Rossi a Canzone Segreta: "Non sapevo niente, vi giuro"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento