menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Ansa)

(Ansa)

Terribile schianto sull'A1: quattro vittime, due bambine morte. Erano dirette a Napoli

Schianto tra un minivan sul quale viaggiavano nove persone, un autoarticolato e un'automobile: quattro vittime (due bimbe di 10 anni e 8 mesi), sette feriti. Conducente negativi agli esami tossicologici

Ha un bilancio tragico l'incidente avvenuto ieri sulla corsia sud dell'Autostrada A1, nei pressi del casello di Arezzo: quattro vittime, tra queste due bambine (una di 10 anni e l'altra di 8 mesi). Le bambine viaggiavano con un gruppo di otto persone totali, tutte provenienti dalla Romania e dirette a Napoli, all'interno di un minivan. Sono sette le persone rimaste ferite. 

Il conducente - padre delle due bambine e figlio delle altre due persone decedute - sarà ascoltato dagli inquirenti: si trova in ospedale. Come riportato da ArezzoNotizie un fasciolo da parte della procura della Repubblica presso il tribunale di Arezzo è stato aperto poco dopo la tragedia. 

La dinamica

Si cerca in queste ore di ricostruire la dinamica. Sono rimaste coinvolte due automobili e un autoarticolato. Le prime ricostruzioni ipotizzerebbero un tamponamento da parte del minivan a un camion fermo in corsia d'emergenza. Dopo l'impatto il minivan avrebbe poi coinvolto un'altra automobile. 

Tra i sette contusi ci sono altri due bambini di 8 mesi e 13 anni, che si trovano in codice rosso nell'ospedale di Firenze. Salva invece la gemellina della bimba di 8 mesi deceduta. Il conducente sarebbe risultato negativo ai test tossicologici. Sul posto sono intervenuti poi i sanitari del 118, i vigili del fuoco, gli agenti della polizia stradale di Battifolle e il personale di Autostrade. Inutili i tentativi di rianimazione per le vittime, rimaste incastrate tra le lamiere. 

I dettagli su ArezzoNotizie

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Attualità

La Fontana del Tritone torna a vivere dopo sei anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento