Incidenti stradali

Incidente Capri, si aggrava il bilancio: morto il conducente del bus e 23 i feriti

Il bus ha sfondato la barriera stradale precipitando nel vuoto. Tra i feriti in gravi condizioni anche un bambino, trasportato per fratture multiple al Santobono

Il bus sfonda la barriera sulla provinciale di Capri e cade nel vuoto per cinque, sei metri, per terminare la sua corsa tra le cabine di un lido di Marina Grande e la strada. A bordo del pullman Atc tanti turisti. Lo schianto è forte. Tutti i passeggeri hanno bisogno di cure. Sul posto giungono subito i soccorsi e da Napoli iniziano a partire gli elicotteri con a bordo personale sanitario, medicine e sacche di sangue. Sono quattro i feriti più gravi, tra questi un bambino trasportato d'urgenza al Santobono di Napoli per fratture multiple e il conducente del bus. Quest'ultimo, Emanuele Melillo, poco più che trentenne, da anni in Atc, muore tragicamente per le gravi ferite riportate nell'incidente. Faceva il pendolare dal centro di Napoli a Capri, dove era molto benvoluto per il suo carattere e la sua simpatia. Da tre settimane aveva scoperto che la compagna era incinta.

"Non è mai successa una cosa simile sull'isola. Si deve ritornare indietro ai tempi della guerra quando dalla strada di Anacapri precipitò di sotto un camion con alcuni militari a bordo", racconta a NapoliToday un residente, sconvolto per quanto accaduto.

la vittima melillo bus-2

Il conducente del bus morto nell'incidente

L'incidente, Asl Napoli 1: 23 i feriti

L’ASL Napoli 1 Centro fa sapere di aver immediatamente attivato, attraverso l’Unità Operativa Servizio 118 Napoli 1 e in sinergia con il sindaco di Capri, il piano operativo per fronteggiare l’emergenza sanitaria venutasi a creare. Con l’ausilio di due elicotteri, (Polizia di Stato e Guardia di Finanza) messi a disposizione tramite la Prefettura di Napoli, è stato trasferito personale sanitario e presidi medici necessari ad integrare quanto già presente presso l’Ospedale Capilupi di Capri che è il primo riferimento per l’accoglienza dei feriti. All’elicottero del Servizio Regionale di Emergenza 118, abilitato al trasporto dei pazienti, è stata affiancata un’ulteriore unità di elisoccorso con capacità tripla di trasporto feriti. Oltre al decesso di Melillo, sono stati trasportati i feriti presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Capilupi (codici gialli e rossi): presentano politraumi a dinamica maggiore con fratture multiple dello scheletro in più distretti, sospette lesioni vascolari dei distretti toraco-addominali, policontusioni multiple, escoriazioni multiple, ferite lacero contuse multiple. I feriti registrati al PS allo stato sono 24 (compreso il deceduto), dei quali 2 sono già stati trasferiti rispettivamente presso l’Ospedale del Mare e l’Ospedale Santobono. Altri due feriti sono attualmente assistiti in camera operatoria in attesa di trasferimento, altri stanno ricevendo cure e sono in fase di stabilizzazione emodinamica e assistenza respiratoria, in attesa di trasferimento. Delle persone coinvolte nell’incidente 4 sono di nazionalità francesce e libanese. I pazienti che necessitano di essere trasferiti su Napoli, all’Ospedale del Mare, verranno spostati con l’ausilio dei due elicotteri del Servizio Regionale Emergenza 118 Napoli 1.

Il sindaco di Capri: "Per fortuna nessun ferito nello stabilimento balneare"

"Stiamo cercando di capire cosa è successo, c'è anche la salma di questo povera ragazzo, l'autista, mi dispiace moltissimo”, è il commento a caldo sull'accaduto del sindaco di Capri Marino Lembo. "Il pullman era in salita e non si capisce cosa sia successo, lo accerterà la magistratura, ci saranno sicuramente filmati, telecamere. Noi facciamo la nostra parte assicurando l'assistenza. Dortunatamente non ci sono feriti nello stabilimento balneare vicino all'incidente”, conclude.

bus precipitato a capri (foto NapoliToday)-2

Tragedia a Capri, Usb: "Venga fatta luce sulle dinamiche dell'incidente"

"Su quanto accaduto questa mattina a Capri, crediamo vada fatta rapidamente chiarezza sulle dinamiche del tragico incidente e sulle eventuali responsabilità che hanno portato alla morte del conducente dell’autobus .  
L’USB esprime vicinanza e cordoglio ai parenti e familiari della vittima e, raccogliendo la richiesta dei lavoratori e delegati della società ATC, revoca lo sciopero del tpl a Capri previsto per domani. 
Non è il momento delle polemiche, ma crediamo che vi sia la necessità di rinnovare e potenziare l’attuale flotta di autobus, molti dei quali risalenti agli anni '80, con mezzi di ultima generazione da mettere in servizio sull’isola di Capri. 
Sono anni che chiediamo, invano, alla società ATC, alla regione Campania, alla Città Metropolitana di Napoli ed alle amministrazioni di Capri ed Anacapri, di istituire un tavolo permanente su viabilità e sicurezza stradale con l’obiettivo di verificare la situazione organizzativa del sistema di trasporto pubblico locale sull’Isola Azzurra, in un ottica di mobilità integrata, sicura ed ecosostenibile", è il commento di Marco Sansone di Usb.

VIDEO

"Vigilare sulla sicurezza dei trasporti"

"La segreteria Fit Cisl Campania è vicina alle vittime e ai feriti del grave incidente avvenuto a Marina Grande di Capri. La terribile notizia del bilancio dell’incidente ci rattrista molto, è bastato un niente per trasformare una giornata di svago in una vera tragedia. Chiediamo a maggiore ragione di vigilare sulla sicurezza dei servizi offerti, verificando i mezzi utilizzati per il Trasporto pubblico (spesso obsoleti e inadatti) e verificando anche lo stato delle strade percorse (segnaletiche, fondo stradale, dimensioni strade). Speriamo che nessuna di queste sia alla base del dramma odierno: si accertino le eventuali responsabilità dell’accaduto. La sicurezza è un dovere non un accessorio e non può essere trascurata da nessuno". Così una nota del segretario generale della Fit Cisl Campania Alfonso Langella e del coordinatore regionale Tpl Ezio Monetta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente Capri, si aggrava il bilancio: morto il conducente del bus e 23 i feriti

NapoliToday è in caricamento