menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ospedale

Ospedale

Guida ubriaco e manda in ospedale 5 persone: c'è anche una bambina

Il 48enne di Castellammare è stato inseguito da 2 carabinieri non in servizio che lo hanno bloccato. L'uomo ha tentato invano la fuga minacciando gli agenti e colpendoli con calci e pugni

In manette a Castellammare di Stabia un 48enne accusato di esistenza a pubblico ufficiale, minacce, guida in stato di ebrezza e omissione di soccorso.

Lunga lista di reati per l'uomo, già noto alle forze dell'ordine, che nella tarda serata di ieri, alla guida di una Honda crv, aveva tamponato uno scooter in Piazza Giovanni XXIII e si era poi dato alla fuga a forte velocità.

Al tamponamento hanno assistito due carabinieri, liberi dal servizio, che hanno immediatamente dato vita ad un inseguimento in sella alle loro moto private per le vie del centro, riuscendo a raggiungere e bloccare l'uomo solo in via Regina Margherita, dove il 48enne ha tentato ancora la fuga minacciando gli agendi e colpendoli con calci e pugni.

I Carabinieri sono riusciti comunque ad immobilizzare il folle guidatore che, sottoposto ad alcooltest, è risultato positivo (1,40 contro un massimo ammissibile di 0,50), inoltre, nel corso di approfondimenti, gli agenti hanno accertato che nella stessa serata, poco prima dell' intervento delle forze dell'ordine, l'uomo aveva già causato sinistri con altre vetture, provocando danni ai mezzi e lesioni a ben 5 persone, tra le quali una bambina di 5 anni.
Le vittime degli incidenti causati dal guidatore in stato di ebbrezza sono state medicate al locale ospedale per lesioni giudicate guaribili entro i 10 giorni. L'uomo è stato condotto agli arresti domiciliari, in attesa di rito direttissimo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

  • Cronaca

    Lutto per il Gambrinus, è morta la storica cassiera

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento