Incidente motociclistico in via Brin, i medici del 118 sul posto: "Siamo stati aggrediti"

Sul posto gli astanti avrebbero preteso il trasporto simultaneo dei due feriti e avrebbero aggredito il personale sanitario, almeno secondo la ricostruzione dell'associazione 'Nessuno tocchi Ippocrate'. Ma i carabinieri smentiscono: "Nessuna aggressione"

Due episodi in una sola notte. E' il triste resoconto che fa 'Nessuno Tocchi Ippocrate', l'associazione che racconta le numerose aggressioni (con queste due saremmo a 43 da inizio anno) ai danni del personale sanitario. Le due aggressioni si sarebbero consumate sul medesimo luogo, in via Brin, a distanza di pochi minuti, ai danni di due equipaggi diversi. Di seguito il racconto dell'associazione.

"All’1.30 di notte l'ambulanza 118 della Ferrovia viene allertata per incidente motociclistico a via Brin. A quanto ricostruito dall’equipaggio, il centauro, con tanto di passeggero (una giovane ragazza) stava impennando lungo via Brin. Qualcosa è andato storto ed i due sono caduti rovinosamente al suolo. Dopo pochi minuti giunge l’equipaggio di ferrovia che effettua il triage sul posto classificando l’uomo come il più grave. Il ferito viene caricato sul mezzo di soccorso tra le urla degli astanti che pretendevano il trasporto simultaneo della ragazza. Il team leader spiega che è in arrivo un altra ambulanza, ma i presenti non hanno voluto sentire ragioni, hanno incominciato ad aggredire l’equipaggio con pugni e spintoni. Tra mille difficoltà l'ambulanza parte alla volta dell’ospedale del Mare. Dopo poco arriva la postazione 118 di Piazza Nazionale a soccorrere la ragazza. Stesso trattamento selvaggio". 

La smentita dei carabinieri

La versione dell'associazione, però, è parzialmente smentita dai Carabinieri presenti sul posto, secondo i quali nessuna aggressione fisica ai danni di operatori del 118 è avvenuta la scorsa notte in via Brin a Napoli. Secondo la ricostruzione fornita dai Carabinieri, due persone a bordo di una moto sono cadute in via Vespucci all'altezza del deposito dell'Anm. Sul posto sono arrivate due ambulanze, presumibilmente attivate dai presenti. Poco prima che le ambulanze partissero alla volta del pronto soccorso, ricostruisce l'Arma, una pattuglia dei Carabinieri è transitata e si è fermata. Uno dei presenti, parlando animatamente con il personale del 118 ha lamentato il loro intervento tardo e, per accelerare il trasporto dei feriti, ha aperto il portellone di una delle ambulanze. I Carabinieri fanno sapere di non aver assistito ad alcuna aggressione fisica. Dopo la partenza delle ambulanze i Carabinieri avrebbero atteso la Polizia municipale che ha proceduto per il sinistro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La controreplica dell'associazione

"L'aggressione c'è stata ed è messa agli atti. Presto il magistrato competente aprirà un fascicolo sulla vicenda", fanno sapere dall'associazione Nessuno Tocchi Ippocrate. "Chi sostiene che non ci sia stata aggressione umilia la nostra dignità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • Orrore in ospedale, per una sigaretta aggredisce un uomo e gli cava gli occhi

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

  • Scende dall'auto e si lancia nel vuoto dal ponte dei suicidi: muore 71enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento