menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tragedia Monteforte, Figliolia

Tragedia Monteforte, Figliolia

Incidente bus Monteforte: dal Comune di Pozzuoli assegni alle famiglie delle vittime

Giro di vite sulle gite scolastiche, più controlli sui pullman

«Pozzuoli non dimentica le vittime della tragedia di Monteforte Irpino, anche nel giorno di Ferragosto». Il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, ha dato mandato agli uffici Assistenza sociale del Comune di consegnare gli assegni circolari, da 2mila e 500 euro ciascuno, destinati alle famiglie delle vittime della tragedia di Monteforte Irpino.

«Si tratta solo di un primo acconto, sulla complessiva cifra di 80mila euro che è stata stanziata dall’intero Consiglio comunale a beneficio delle famiglie dilaniate dal lutto – sottolinea il sindaco Vincenzo Figliolia – A fine mese, intanto, cominceranno le attività e i sopralluoghi dei periti incaricati dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Avellino per accertare la dinamica del tragico incidente e le eventuali responsabilità. Il Comune di Pozzuoli ha deciso di costituirsi parte civile e attendiamo gli esiti di una indagine che sta portando avanti il procuratore capo Rosario Cantelmo con estremo rigore e con certosina ricerca della verità. Dobbiamo, tuttavia, prendere spunto da questo disastro stradale, che è stato il più devastante della storia recente, per ribadire in tutte le sedi l’attenzione alla sicurezza e alle manutenzioni stradali. Ognuno dovrà fare il proprio compito, a seconda dei ruoli. Noi come Amministrazione comunale siamo pronti a varare, subito dopo Ferragosto, una apposita ordinanza che prevede l’obbligo per le agenzie di noleggio dei bus utilizzati per le gite scolastiche, nelle scuole dell’obbligo, di presentare alla polizia municipale un certificato che attesti che il pullman non ha alcun problema meccanico prima della partenza. In mancanza di questa certificazione o in caso di esito negativo dei controlli a sorpresa, siamo pronti a vietare le gite scolastiche. Se non ci sono margini di sicurezza per gli scolari, non si parte. Con l’ufficio legale del Comune, poi, stiamo studiando se c’è la possibilità di estendere tali rigidi controlli preventivi anche alle gite al di fuori della scuola dell’obbligo e per le comitive dei fedeli».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento