rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Incidenti stradali

Tragedia di Monteforte, nelle prossime ore autopsia sull'autista

Ciro Lametta, di 44 anni, lavorava per un bus operator di Napoli gestito da un parente. Poco probabile l'ipotesi di un malore: ha provato fino alla fine a rallentare la corsa del pullman

Si chiamava Ciro Lametta e aveva 44 anni l'autista dell'autobus che ieri sera, sull'autostrada A16, è precipitato in una scarpata dall'A16, provocando la morte di 38 persone e numerosi feriti. Il corpo di Lametta è stato portato all'ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino. Nelle prossime ore è prevista l'autopsia che dovrà chiarire se l'uomo sia stato vittima di un malore.

Incidente bus A16 © Tm NewsInfophoto


Si tratta di un'ipotesi comunque ritenuta poco plausibile: Ciro Lametta, infatti, secondo quanto sta emergendo, ha cercato di fare di tutto per fermare l'autobus, anche se non ci sono segni di frenata sull'asfalto. Doveva essere sicuramente lucido per decidere, tanto da aver provato a rallentare la corsa del pullman sulla barriera di cemento che, invece, ha ceduto.

AUTOBUS GIU' IN SCARPATA, CADAVERI SULLA STRADA: VIDEO

Parti del sistema di trasmissione dell'autobus sono state trovate a terra oltre un chilometro prima del luogo dove è precipitato: un particolare che rende molto probabile l'ipotesi che il mezzo fosse già danneggiato mentre percorreva il tratto in forte pendenza. Ciro Lametta lavorava per un bus operator gestito da un parente, la Alam Viaggi, di Gennaro Lametta, che ha sede a Napoli.

INCIDENTE AUTOBUS IN IRPINIA | FOTO DI CARMINE GUARINO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia di Monteforte, nelle prossime ore autopsia sull'autista

NapoliToday è in caricamento