menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ubriaco contromano in Tangenziale: "Spense i fari e ignorò i segnali"

La Procura non ha dubbi su Aniello Mormile: duplice omicidio volontario, con l'aggravante di aver agito in stato di ebbrezza

La Procura non ha dubbi: duplice omicidio volontario, con l'aggravante di aver agito in stato di ebbrezza. Queste le conclusioni delle indagini a carico di Aniello Mormile, responsabile di un terribile incidente la scorsa estate. Il dj imboccò la tangenziale all'altezza di Agnano e decise di percorrere la strada contromano. Due morti: la fidanzata 22enne Livia Barbato che era in auto assieme a lui, e Aniello Miranda, il 48enne che viaggiava nel verso giusto, lungo la corsia di sorpasso.

Le indagini sono state coordinate dal procuratore aggiunto Nunzio Fragliasso e condotte dal pm Salvatore Prisco al termine del lavoro della polizia stradale, ma anche dopo aver letto le analisi di periti e consulenti.

Decisiva anche l'analisi del filmato della Tangenziale, secondo la quale si nota - insistono i pm - una manovra apparentemente serena da parte del 28enne alla guida. Stando sempre ai filmati, vari automobilisti hanno lampeggiato provando ad interrompere il viaggio folle di Mormile, ma c'era la volontà dell'indagato di provocare quella tragedia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento