rotate-mobile
Cronaca

Inchiesta stadio, Sodano si difende: "Da me massima trasparenza"

"La Procura della Repubblica aveva avanzato richiesta di archiviazione", spiega il vicesindaco, "escludendo illeciti". "Fornirò tutti i chiarimenti necessari, da me sempre corretteza e trasparenza"

"Esprimo massima fiducia nell’operato della Procura della Repubblica di Napoli che, con riferimento alla vicenda della costruzione del nuovo stadio e della ristrutturazione dello Stadio San Paolo, aveva già avanzato richiesta di archiviazione".

Il vicesindaco Tommaso Sodano attraverso una nota si difende a proposito dell'inchiesta sulla costruzione dello stadio a Ponticelli, che lo vede coinvolto insieme all'imprenditrice Maria Luisa Faraone Mennella. "Dopo una lunga ed attenta attività di indagine, infatti, la Procura della Repubblica aveva avanzato richiesta di archiviazione escludendo che nella vicenda fossero stati commessi illeciti - continua il numero due di palazzo San Giacomo - Sono nello stesso tempo sereno dal momento che il mio operato, nella qualità  di membro della giunta, è stato improntato alla massima trasparenza e correttezza amministrativa, in relazione all’iniziativa privata di project financing avviato per la realizzazione del nuovo stadio".

"Fornirò alla Procura della Repubblica, anche di mia iniziativa - prosegue Sodano - tutti i chiarimenti necessari a seguito degli approfondimenti investigativi richiesti dal Gip".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta stadio, Sodano si difende: "Da me massima trasparenza"

NapoliToday è in caricamento