Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inchiesta Sanità, Taglialatela: "Trattative private con un cartello di imprese"

L'attacco dell'ex consigliere regionale: "Presentati sei esposti, ne scriverò un settimo alla Corte dei conti: sprecati milioni per ospedali mai aperti"

 

"Siamo di fronte a milioni di euro che la Regione ha dilapidato in modo dissoluto per realizzare tre ospedali Covid mai aperti". Marcello Taglialatela, ex consigliere regionale di Fdi e presidente dell'Associazione Campo Sud, prosegue il suo attacco alla Giunta De Luca sulla gestione dell'emergenza sanitaria. 

Sei esposti sono già stati presentati alla Procura, un settimo sarà presentato nelle prossime ore alla Corte dei conti: "La novità è che dalle nuove carte in mio possesso posso affermare che esiste un cartello di imprese cui venivano affidati i bandi con trattativa privata. Inoltre, la Regione ha pagato in anticipo e senza avere la garanzia della fidejussione bancaria. Questi soldi sono stati pagati per tre strutture incomplete, a Napoli, Salerno e Caserta. I ventilatori polmonari non sono mai stati forniti, i Covid Hospital di Salerno e Caserta non sono mai stati aperti, mentre quello di Napoli non ha mai avuto il collaudo definitivo". 

All'attenzione della Corte dei conti, Taglialatela sottoporrà le ulteriori spese affidate dalla Soresa, la società regionale responsabile di gare e acquisti in ambito sanitario: "Soresa e Asl napoli 1 hanno affidato a trattativa privata ulteriori opere che vanno oltre quelle previste da contratto. Parliamo di 4 milioni per altri acquisti non meglio specificati e 2,5 milioni per la variante in corso d'opera".

L'affondo, poi, è proprio sulla struttura prefabbricata di Napoli: "Doveva costare 7-8 milioni. Invece dalla carte ufficiali i costi risultano almeno raddoppiati". Al momento, gli indagati nell'inchiesta sulla Sanità sono il direttore dell'Asl Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva, il consigliere regionale Luca Cascone, il direttore dell'Istituto Zooprofilattico Antonio Limone e Roberta Santaniello, membro dell'ufficio di Gabinetto di De Luca. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento