rotate-mobile
Cronaca

Vasto incendio al parco "degli Astroni": in manette un noto ristoratore

Le indagini dei carabinieri forestali

I carabinieri della forestale di Napoli hanno posto agli arresti domiciliari due soggetti accusati di incendio boschivo, disastro ambientale e distruzione di beni paesaggistici e di habitat naturale di interesse comunitario all’interno del sito protetto Riserva Naturale Oasi WWF “Cratere degli Astroni”, consumati a Napoli nella notte tra il 31 luglio e il primo agosto 2022.

Le indagini hanno permesso di raccogliere gravi indizi di reato a carico di due uomini di nazionalità italiana, un 36enne e un 61enne residenti a Napoli, quest’ultimo gestore di un ristorante a ridosso dell’area boscata.

I due soggetti, avrebbero consentito - in aree destinate a parcheggio per i clienti della struttura ricettiva - l'esplosione di fuochi pirotecnici, le cui scintille avrebbero provocato le fiamme. Inoltre, non avrebbero allertato i soccorsi permettendo all'incendio di allargarsi e divampare per tutta la notte.

Le fiamme hanno interessato una superficie di circa 40 ettari, di cui otto all’interno della Riserva Naturale Oasi WWF “Cratere degli Astroni”. Il passaggio del fuoco, sviluppatosi con l’incendio, ha provocato un‘alterazione e compromissione dell’equilibrio dell'ecosistema

Rilevante anche il danno patrimoniale per il WWF Italia e il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica sui quali grava l’onere economico del ripristino dell'area andata in fumo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vasto incendio al parco "degli Astroni": in manette un noto ristoratore

NapoliToday è in caricamento