menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ischia brucia, fiamme vicino alle case: colpa dei piromani

É una vera e propria emergenza incendi quella che da stanotte si è abbattuta su Ischia. Coinvolte le zone di Succhivo-S.Angelo e Ciglio, nel Comune di Serrara Fontana e quelle di Panza e S.Maria al Monte, nel Comune di Forio

Una vera e propria emergenza incendi, da stanotte, si è abbattuta su Ischia. Nella notte le fiamme hanno coinvolto le zone di Succhivo-S.Angelo e Ciglio, nel Comune di Serrara Fontana e quelle di Panza e S.Maria al Monte, nel Comune di Forio.

A preoccupare e spaventare, in special modo, è stato il grande incendio che dalla frazione di Succhivo è giunto fino a S.Angelo. Le fiamme più volte si sono avvicinate a numerose abitazioni, al punto che i vigili del fuoco del distaccamento di Ischia verso la mezzanotte hanno allertato le forze dell'ordine per la possibilità concreta di far evacuare alcune abitazioni. Situazione questa che, però, non si è verificata, per il cambiamento del vento e per l'azione degli uomini impegnati sul campo, che sono riusciti a circoscrivere le fiamme ed a proteggere gli abitati minacciati dalle fiamme. Da questa mattina, su richiesta del comando provinciale del Corpo forestale, è giunto sull'isola un elicottero da Roma, l'S64 (Sikorsky S-64 Skycrane) con capacità di gettito di 9000 litri a lancio.

Durante le fasi di spegnimento delle fiamme, che si sono susseguite tutta la notte, gli uomini del Corpo Forestale dello Stato hanno localizzato dall'elicottero un ulteriore principio di incendio alla Pineta del Castiglione e stanno accorrendo sul posto.

La colpa sarebbe dei piromani. "Riteniamo che questi fenomeni abbiano una natura dolosa", dice il comandante provinciale del Corpo Forestale, Vincenzo Stabile e aggiunge: "stiamo cercando di fronteggiare questa grave emergenza che ha avuto una recrudescenza notevole anche rispetto agli anni scorsi, in controtendenza con quanto si è verificato in altri luoghi della provincia di Napoli".

Ciro Troiano, responsabile nazionale Tutela Ambiente della Lav (lega antivivisezione), sottolinea: "Stiamo assistendo ad un vero attacco criminale contro l'ambiente, portato avanti in modo studiato e meticoloso, al quale bisogna reagire con decisione. Occorre la mobilitazione di tutti, cittadini e istituzioni, nella consapevolezza che dietro questi incendi si intravedono inquietanti scenari criminali. Per fermare questi delinquenti non saremmo contrari all'eventuale intervento dell'Esercito in attività di pattugliamento e vigilanza" conclude l'esponente ambientalista.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento