rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca Barra / Via Mastellone

Incendi all'ex campo rom, Manfredi: "Serve l'esercito"

Il commento dei sindaco dopo i due roghi in tre giorni che hanno interessato la discarica abusiva di via Mastellone, nel quartiere Barra

Se nìè accorto anche il comune di Napoli che in via Mastellone, quartiere Barra, non si può andare avanti così. E adesso si invoca l'intervento dell'esercito. Due incendi in tre giorni hanno colpito l'ex campo rom, oggi discarica abusiva a cielo aperto, condannando i cittadini a respirare aria tossica, così come rilevato dall'Arpac. Incendi causati, molto probabilmente, dalla mano dell'uomo per smaltire rifiuti tossici oppure per creare nuovo spazio a ulteriori sversamenti che, in quell'area, sono all'ordine del giorno. 

Gaetano Manfredi, alla luce dei recenti roghi, d'intesa con la Prefettura, ha evidenziato la necessità di rafforzare il controllo del territorio. Nella prossima riunione convocata in Prefettura, il sindaco chiederà a tal proposito un presidio fisso dell'esercito oltre ai controlli dinamici già messi in atto da parte di polizia municipale e forze dell’ordine.

Da ieri, intanto, i mezzi di Asia stanno provvedendo a pulire tutta la zona circostante il luogo degli incendi. Secondo L'Aprac, durante i roghi la concentrazione di diossina nell'aria era dieci volte superiore al normale. Ancora prima che fosse reso pubblico l'accertamento, molti cittadini avevano abbandonato le case, come raccontato nel servizio di NapoliToday durante l'incendio del 18 luglio. 

Già nei mesi passati il nostro giornale aveva denunciato lo stato di totale abbandono dell'area dopo che le famiglie rom l'avevano lasciata. In un altro servizio del novembre 2022, infatti, avevamo documentato come, nella totale assenza delle istituzioni, l'ex campo fosse diventato una discarica abusiva utile per tutte le aziende che volevano scaricare senza sostenere i costi di smaltimento dei rifiuti industriali. 

Il progetto di bonifica esiste già ma costa 4,5 milioni di euro e il Comune non ha mai potuto realizzarlo perché i soldi non ci sono. Soldi che non sono arrivati neanche dalla Regione né dal Pnrr. L'unica cosa che il Comune ha fatto è quella di chiudere la strada con un cancelletto verde. Ci sono volute meno di 24 perché venisse forzato da ignoti.

Nè l'ex assessore all'ambiente Mancuso, né Vincenzo Santagada, che attualmente detiene la delega, hanno mai spiegato perché non sia mai stata contemplata la possibilità di installare un paio di telecamere per monitorare gli accessi all'ex campo. Adesso Manfredi chiederà l'esercito, vedremo quale sarà la risposta della Prefettura di Napoli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi all'ex campo rom, Manfredi: "Serve l'esercito"

NapoliToday è in caricamento