Cronaca Chiaia / Via Francesco Caracciolo

Tre mesi fa l'incendio allo chalet Chiquitos: "Oggi solo puzza e topi"

I Verdi Ecologisti e Gianni Simioli: "L'area distrutta è ancora sotto sequestro con materirali bruciati ed incendiati ovunque. Uno spettacolo indegno che mortifica Mergellina e le migliaia di persone e turisti che ogni giorno frequentano questa zona"

I resti dello chalet

"Il 31 gennaio scorso - denunciano il responsabile regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli conduttore della Radiazza - andava a fuoco lo chalet Chiquitos specializzato nella realizzazione di frullati di frutta ed aperto da molti anni, meta oltre che di giovani anche di vip in visita a Napoli o in transito per Ischia e Capri. Sono passati quasi tre mesi da quel tragico evento e l' area distrutta è ancora sotto sequestro con materirali bruciati ed incendiati ovunque. Uno spettacolo indegno che mortifica Mergellina e le migliaia di persone e turisti che ogni giorno frequentano questa zona di Napoli. Dalle macerie tra l' altro proviene un cattivo odore e si vedono frequentemente dei topi. I proprietari dello chalet hanno affisso un certello disperato " se stiamo ancora chiusi non è colpa nostra".

Adesso pur rispettando i tempi della Magistratura, "troviamo incredibile che non si sia ancora dissequestrata l' area o almeno fatta ripulire. Con l' arrivo del caldo questo sconcio diventerà ancora più intollerabile come è assurdo non aver ancora permesso alla prprietà di riedificare lo chalet riassumendo il personale".




 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre mesi fa l'incendio allo chalet Chiquitos: "Oggi solo puzza e topi"

NapoliToday è in caricamento