Centro Direzionale: incendiate due auto della Protezione Civile

La natura dell'incendio dovrebbe essere di origine dolosa

Due auto della Protezione Civile, in sosta nel sottopassaggio del Centro Direzionale, sono andate a fuoco nel pomeriggio del primo gennaio.

Sul posto sono immediatamente intervenuti i Vigili del Fuoco e due volanti della Polizia di Stato per tentare di spegnere l'incendio che ha avvolto i veicoli della Protezione Civile “le Aquile”. I mezzi interessati erano un furgone e una autoambulanza. I mezzi della Protezione Civile erano in sosta nel sottopassaggio, dove il nucleo operativo ha sede.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 “E’ l’ennesimo atto vandalico ai danni della Protezione Civile le Aquile”, racconta un volontario della Protezione Civile “le Aquile” giunto sul posto. Il rogo ha interessato anche alcune centraline elettriche. La natura dell'incendio dovrebbe essere di origine dolosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • Uomo investito mentre attraversa sulle strisce pedonali: la scena ripresa dalle telecamere (VIDEO)

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

  • Quindicenne investita, la verità nella scatola nera dell'auto. Il 21enne: “Sono distrutto”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento