menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incendi sul Vesuvio, il ministro Galletti: "Non c'entra la criminalità organizzata"

Riferite alla Camera le prime risultanze investigative

Sono 30 in più i i militari dell'Esercito dell'operazione Strade Sicure e Terra dei Fuochi, impiegati attualmente contro gli incendi che hanno devastato il Vesuvio, per un totale di 100 unità.

In mattinata i militari hanno scoperto e segnalato ai carabinieri della Forestale un principio di incendio, evitando conseguenze peggiori.

GALLETTI - "Il Procuratore della Repubblica di Napoli ha comunicato che l'Ufficio sta procedendo a carico di ignoti e le indagini si trovano in una fase iniziale. Il Procuratore ha aggiunto che, allo stato, e salvi gli esiti di successivi accertamenti, i tre eventi incendiari che hanno di recente interessato la zona non appaiono collegati tra loro né riconducibili ad un'unica matrice. Il lavoro investigativo in corso non consente, allo stato, di privilegiare una particolare ipotesi circa la natura dolosa o colposa dei fatti e la riconducibilità ad un'unica mano degli altri accadimenti nel territorio vesuviano. Sembra, inoltre, potersi escludere il coinvolgimento della criminalità organizzata. Le prime risultanze investigative hanno escluso che tutti i citati fenomeni fossero ingenerati da autocombustione, derivando verosimilmente la matrice degli stessi da comportamenti, dolosi ovvero colposi, di soggetti allo stato non ancora identificati". E' l'informativa del ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti riferita alla Camera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento